L’uovo ribelle

Dal 1998 al 2004 Maria Korporal ha realizzato diverse installazioni, costituite da immagini elaborate al computer e raccolte in strutture di teleschermi imitati. Quest’ultima particolarità, che ricorda l’idea del video-wall, viene così definita dall’artista: “Molte delle mie opere sono costruite in strutture di teleschermi fittizi. Penso che l’immaginario del genere umano nel mondo contemporaneo si nutra maggiormente dallo schermo. Il nostro pensiero ed il nostro immaginario sono condizionati in modo fondamentale da quello che ci viene comunicato dalle medie telematiche, che ha poi effetti importanti sul nostro modo di vedere e vivere la realtà.”
L’uovo ribelle unisce i teleschermi fittizi ad un teleschermo vero con una animazione di immagini computerizzate, accompagnate da un suggestivo sonoro. L’installazione è una struttura di 9 teleschermi che racchiudono ciascuno un uovo. Il teleschermo centrale contiene l’uovo ribelle: balza e sobbalza, si muove ora ritmicamente ora aritmicamente, è come un cuore impazzito il cui battito è amplificato dalla musica. Tutto il rumore che produce servirà a liberarsi, o sarà per nulla?

titolo: L’uovo ribelle
1. L’installazione:
tecnica
: pannello di compensato con stampe digitali sotto plexiglass, struttura di ferro, televisore + lettore VHS che trasmette il video descritto in 2.
dimensioni
: altezza 170 cm, larghezza 110 cm, spessore/profondità ca. 50 cm
2. Il video:
tecnica
: animazione digitale con colonna sonora
durata
: loop infinito
anno: 2004
© Maria Korporal

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pin It on Pinterest

Share This