Third Eye Flying

In questo video, l’artista agisce con quello che chiama il suo “terzo occhio”: una piccola videocamera collegata alla fronte. Sulla pista dell’aeroporto storico Tempelhof di Berlino decolla e vola nello spazio. Vediamo ciò che vede attraverso il suo terzo occhio, quando raggiunge l’area di cui Man Ray ha parlato nel suo “Pepys Diary” (1959): “In qualche parte dello spazio le immagini di tutta la storia passata dell’umanità viaggiano sulle onde dell’etere”.

title: Third Eye Flying
technique: Experimental video and animation
length: 4’54”
year: 2014
music: “The Geometry of Time” by Michael J. Stewart
camera: Maria Korporal, Astrid Astra Indricane
all other art work, concept, acting, effects and montage: Maria Korporal

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pin It on Pinterest

Share This