crisi climatica

Breathing Bags

Breathing Bags sono buste di plastica con spazzatura trovate per le strade, che si gonfiano ed esplodono con movimenti e suoni respiratori. Le buste di plastica monouso sono così onnipresenti nella strada che non le notiamo nemmeno più. Guardandole esplodere, diventiamo consapevoli di quanta plastica vola in giro e di come le particelle di microplastica inquinino la nostra aria.
Il cortometraggio presentato al festival è un mix ibrido di animazione digitale e analogica, e mostra alcune scene di strada a Berlino, mentre esplodono i Breathing Bags. Una singola busta di carta prende vita e si trasforma in una scena piena di sorprese. Un raggio di speranza per il nostro mondo.

Screening:
• 5-27 novembre 2021: FONLAD Festival internacional de video arte e performance, Coimbra (PT) e online.
• 18-20 giugno 2021: 48 Stunden Neukölln, Berlino.

title: Breathing Bags
technique: Experimental video and animated charcoal drawing
length: 3’18”
year: 2021
background sound: Zsolt Sores – ArtuSound 2010 by Sounds of Europe, licensed under CC BY-NC 3.0
video concept, camera, charcoal animation, effects and montage: Maria Korporal
© Maria Korporal 2021

 

Stills from the video:

 

 

S.A.D.

NOVITÀ: Prima proiezione 28 novembre 2021: Nature and Culture – Poetry Film Festival, organizzato da The Poetic Phonoteque, Kulturhuset Islands Brygge, Copenaghen, Danimarca.

Première online il 20 maggio 2021: Bologna in Lettere 2021, il festival online.

Il disturbo affettivo stagionale (S.A.D.) non è più limitato alla cosiddetta depressione d’inverno. Con il peggiorare della crisi climatica, questa sindrome si verifica più frequentemente. Quando l’ambiente è disturbato, anche noi umani soffriamo – perché ne siamo semplicemente parte.
Ispirato dalla suonopoesia di Ilaria Boffa, che affronta questa situazione attuale, il video di Maria Korporal esprime le tensioni tra conflitto e armonia. Usando il disegno animato a carboncino su un video che deforma la riva del mare, la trasformazione delle immagini ci conduce in un universo inquietante.

titolo: S.A.D.
tecnica: Video sperimentale e disegno animato a carboncino
durata: 3’25”
anno: 2021
poesia: “S.A.D.” scritta e letta da Ilaria Boffa
colonna sonora: field recording di Ilaria Boffa
Lucio Battisti’s song “Nessun Dolore” (No Pain) recorded at George Washington University is performed by the I-Talians band during the NeMLA conference “Writing in a different language”.
video concept, camera, charcoal animation, effects and montage: Maria Korporal
© Maria Korporal 2021

Still dal video:

 

Ilaria Boffa è un’autrice italiana. Ha pubblicato tre raccolte di poesia ed è uno degli otto poeti inseriti nella pubblicazione Vol XL 2018 ‘Writing in a Different Language’ della North East American Association. Negli ultimi anni, sperimenta l’utilizzo del field recording per unire suoni alle letture dei propri testi.
Si può leggere e ascoltare il suo lavoro qui: https://linktr.ee/ilariaboffaIB

Conferenza e presentazione di opere sulla sostenibilità e l’arte

Registrazione video della conferenza multimediale online di Maria Korporal il 18 marzo 2021, come parte di una serie di workshop organizzati da SocialArt e.V., Kulturmühle Lietzen. La conferenza è in lingua tedesca.

L’artista racconta il suo modo di lavorare e presenta le sue opere
– Passing By
– Desert Tree
– Give Us Back Our Shadows
– Underwater Desert
– Among the Leaves
– Rekall
– Breathearth
– Tree Travelling
– Emergency Call Center
– Thinking with my Knee
– e alcuni progetti e attività di collaborazione.

socialart.eu/online%20fachtag.htm

Railway Flower Labyrinth

Breve presentazione di KORPORAL MAZE-A-MAZE, o Railway Flower Labyrinth, un’installazione interattiva di Maria Korporal. Il video di sopra presenta alcuni momenti durante la prima mostra Im bewegten Labyrinth, settembre 2020 nella Galerie LortzingART, Hannover.

Nuova presentazione:
• 21 maggio – 6 giugno 2021: Medianautik, Galleria VBK, Berlino, insieme al progetto multimediale Korporal Labyrinth

© Maria Korporal, 2020/2021

Klimakipppunkte

A causa di Corona, la mostra originariamente prevista per il 2020 è aperta ora in una forma modificata: nello showroom dietro le vetrine del VBK sono esposti i contributi di Rosika Janko-Glage, Helga Wagner, Barbara Czarnojahn, Maria Korporal, Andrea Streit, Lupe Godoy e Tom Albrecht. Altri partecipanti alla mostra sono Conrad Brockstedt, Burchard Vossmann, Lina Schobel e Paul Reßl e il Kollektiv thinking of Yves (Andrea Streit e Nancy Happ).

La mostra è stata inaugurata virtualmente tramite Facebook e sarà seguita per tutta la durata dell’esposizione. Non appena la situazione di Corona lo permetterà, la mostra sarà aperta nella sua interezza e dal vivo ai visitatori.

Mostra virtuale e progetto su Facebook:
www.facebook.com/groups/klimakipppunkte/

La mostra nello showroom dietro le finestre del VBK è aperta dal 12.2.2021 al 07.03.2021.

KLIMAKIPPPUNKTE: punti di ribaltamento climatico – mostra in VBK
Nel loro lavoro, gli artisti affrontano le cause e gli effetti del cambiamento climatico: le forme di espressione sono completamente individuali e vanno dalla pittura al collage, dal video all’installazione e all’arte concettuale. Il risultato è una mostra molto complessa su un argomento virulento: eccitante, stimolante per la discussione e divertente allo stesso tempo.
Il progetto è finanziato da GMS Immobilia KG.

Pressemitteilung_VBK_07-02-2021

Nella preview Maria Korporal mostra il suo video Emergency Call.
Quando la mostra avrà finalmente luogo (in tempi migliori), presenterà la sua nuova installazione Emergency Call Center.

 

 

Corona and Climate Crisis

• 16 ottobre – 11 dicembre 2020: mostra collettiva Corona and Climate Crisis, GG3 / Group Global 3000, Berlino.
Maria Korporal partecipa con la sua installazione video Corona Tree Travelling.

 

L’opera fa parte dell’installazione multidisciplinare Tree Travelling

 

Poiché limitiamo il numero di ospiti ad un massimo di sette alla volta per mezz’ora o un’ora ciascuno, vi chiediamo di registrarvi all’indirizzo https://nuudel.digitalcourage.de/WAWhCRvq4unmjDsT

Info e programma della mostra:

Tree Travelling

NOVITÀ: la versione online del progetto, Tree Travelling: Boom the Boom! sarà presentato nel 5° Festival Ecrã, che avrà luogo dal 15 al 25 luglio 2021.

Il progetto Tree Travelling è un’installazione multidisciplinare, che è stata esposta nella mostra Die Sehnsucht nach dem Grünen, Kulturmühle Perwenitz, 23 agosto – 27 settembre 2020.

cliccare sull’immagine per vedere il trailer

Il lavoro include un video della mappa del mondo con tutti gli aerei attualmente in volo, generato da un radar in tempo reale. Davanti al monitor c’è un piccolo tronco d’albero. Quando lo si muove, si riempie il mondo di alberi in crescita, mentre gli aerei lentamente scompaiono.

In tutto il mondo, più di 1,4 miliardi di persone viaggiano ogni anno a livello globale, rispetto ai 500 milioni di viaggi del 1995. L’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite prevede che tale cifra raggiungerà o supererà 1,8 miliardi entro il 2030.
Il boom del turismo porta una crescita economica, ma i danni sono gravi, soprattutto dal punto di vista ecologico. Quasi tutti i viaggi internazionali di massa a basso costo sono voli. È allarmante quando ci si rende conto di quanti aerei sono in volo in questo momento e di quanta CO2 viene emessa in ogni momento.

Con il mio piccolo tronco d’albero invito gli spettatori a fermarsi un momento a riflettere su questo boom. Quando muovono il tronco, fanno viaggiare gli alberi in tutto il mondo, interrompono il costante traffico aereo e rendono l’aria più luminosa. È ora che diventiamo consapevoli di cosa significano gli alberi per la nostra vita terrena. Non c’è cosa migliore di piantare alberi per contribuire a salvare il futuro di questo pianeta.

Tree Travelling, 3 stampe d’arte su forex






 

Quando il progetto è stato concepito, eravamo nel mezzo di un boom turistico globale. Ma poi è arrivato il corona virus. Il boom del turismo è crollato in poco tempo. La vista radar in tempo reale degli aerei è cambiata drasticamente. Ho creato un nuovo video, “Corona Tree Travelling”, che non è interattivo – la crisi della corona fa crescere gli alberi senza l’intervento umano. La première del video si è svolta il 23 agosto nella mostra Die Sehnsucht nach dem Grünen.

Due immagini dal video “Corona Tree Travelling”


Un frammento del video nella mostra
Die Sehnsucht nach dem Grünen.

 

The Tree Travelling Journal, stampato in digitale su formato A3, segue lo sviluppo del progetto in tempi di coronavirus e dei cambiamenti climatici. È un work in progress – quello che il futuro ha in serbo…








© Maria Korporal – 2020

Railway Flowers

Lavoro fotografico, 2020
Fineart print su forex, cm 50 x 50

A Berlino ci sono molti binari ferroviari abbandonati, soprattutto nelle zone industriali. Uno di questi binari si trova accanto alla fabbrica Philip Morris a Neukölln. Ho seguito la ferrovia con la mia macchina fotografica e vi presento alcuni momenti in questo lavoro fotografico. Ho chiamato questi oggetti Railway Flowers, “fiori della ferrovia”, perché sembra quasi che le cose siano cresciute spontaneamente dalla ferrovia. Ma se ti fermi un attimo e vedi che tipo di oggetti sono, ti rendi conto che sono tutti prodotti della “natura umana”… e magari poi ti viene l’idea di osservare in modo più critico il nostro comportamento.

Vedi anche la mia nuova videoinstallazione interattiva “Railway Flower Labyrinth” nella mostra Nel labirinto in movimento.

Mostre:
• 4 settembre – 2 ottobre 2020: Art of Sustainability. Group Global 3000, Berlino